Newfoundland

LAVORO IN CANADA

Newfoundland e Labrador - Offerte di lavoro in Canada, permesso di lavoro e regime fiscale

lavoro in canada

Newfoundland e Labrador

Eccoci nella parte più ad est del Canada, in un ambiente fatto di iceberg e di un'atmosfera da "fuori dal mondo". La maggior parte degli abitanti di questo stato vivono in piccoli villaggi di pescatori in cui la vita scorre lenta e con abitudini radicate nel tempo, in cui l'isolamento è tale per cui, alcuni di questi villaggi, sono raggiungibili solo in barca. Ma per i viaggiatori più intrepidi, arrivare fino a qui significa vivere esperienze umane davvero uniche, come soggiornare con una famiglia del luogo, assaporare la solitudine o qualche chiacchiera di avventure marinare.

Le prime popolazioni del luogo, lottando per adattarsi alle non facili condizioni climatiche, vivevano di caccia e pesca in una continua lotta alla sussistenza in un clima gelido. E quali furono i primi europei con cui ebbero a che fare? Con i Vichinghi. La loro non fu però un'avventura facile: i nativi non accettarono i loro insediamenti e l'ostilità con cui li accolsero, insieme a condizioni climatiche difficili anche per loro, li indussero a tornarsene in Islanda; terra che, confrontata con l'inospitale Newfoundland, sembrava loro un giardino lussureggiante.

Dopo i vichinghi furono piedi italiani ad arrivare qui, quelli del viaggiatore Caboto, spintosi fin qui su incarico del re d'Inghilterra Enrico VII. Peccato che Caboto fosse convinto di essere giunto in Asia, ma poco importa. Dopo di lui altri europei arrivarono in questo estremo nord: francesi, inglesi, spagnoli e portoghesi. Ma furono le prime due nazioni a dividersi la maggior parte del territorio in una continua serie di lotte e rivalità che si conclusero con il Trattato di Utrecht, nel 1713, quando i francesi cedettero il loro territorio agli inglesi. Gli inglesi restarono qui per due secoli ancora, arricchendosi con la pesca e dando vita a forti tensioni con la popolazione nativa dei beothuk che, anche per le malattie portate dai colonizzatori, arrivarono quasi alla completa estinzione.

La particolare natura tendente all'isolamento è rispecchiata anche dalla lingua parlate dalle popolazioni del posto. Sarebbe forse più opportuno parlare di lingue o di dialetti frammezzati in decine di rivoli diversi. Un miscuglio di irlandese e canadese che, a causa dell'estremo isolamento delle piccole comunità della costa, si è trasformato in decine e decine di linguaggi estremamente caratterizzati e quasi familiari; al punto da rendere difficile la comunicazione anche tra gli abitanti delle stesso stato. A dimostrazione della complessa varietà linguistica c'è il fatto che sia stato pubblicato il Dictionary of Newfoundland English.

Dal punto di vista territoriale questa provincia è stata scolpita e disegnata dai ghiacci che hanno creato un paesaggio fatto di rocce e laghi. Una degli elementi più caratteristici dal punto di vista paesaggistico sono i Grandi Banchi, cioè una serie di fondali bassi che, lungo la costa di sud est rappresentano il nutrimento per molte specie di pesci. Ed è proprio questo ambiente ricchissimo di nutrimento che ha fatto della pesca la maggiore e più importante attività economica. Nel Labrador la natura è ancora più spoglia fino ad assomigliare alla tundra. Balene, alci e pulcinella di mare costituiscono la fauna tipica di questa provincia.

I collegamenti sono assicurati dalle compagnie aeree Air Canada, Porter e Continental che atterrano all'aeroporto di St John's, capitale della provincia.


Scrivici se hai domande o commenti sul Canada

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento