Montreal

LAVORO IN CANADA

Montreal - Offerte di lavoro in Canada, permesso di lavoro e regime fiscale

lavoro in canada

Montreal

Città incredibilmente vivace, in cui il bilinguismo ha funzionato come propulsore per lo sviluppo e l'impronta cosmopolita della città. Sebbene Montreal sia, urbanisticamente parlando, divisa nettamente in due dal Blvd Saint Laurent, oggi la divisione linguistica non è più così netta. Dal punto di vista culturale poi, quella sorta di attrito tra inglesi e francesi sembra superata dalla visione internazionale della città. Montreal guarda al mondo non a piccole beghe linguistiche. Ciò che è certo è che a Montreal si respira una affascinante aria che sa di Europa e di Nord America insieme.

Furono alcuni missionari francesi che, nel 1642, approdarono da queste parti costituendo un piccolo insediamento chiamato Ville Marie che sarebbe diventato Montreal. Certo i rapporti con i nativi irochesi non furono dei migliori ma questo non impedì alla cittadina di divenire un importante centro per il commercio delle pelli. Le diatribe continuarono fino al 1701 quando, un trattato di pace, portò ad una sorta di relativa tranquillità. A metà del '700 Montreal fu ceduta agli inglesi che la mantennero anche quando alcuni rivoluzionari americani la occuparono con l'intento di farla entrare nel loro territorio. Nel corso del XIX secolo la città conobbe un notevole impulso industriale anche grazie alla costruzione della ferrovia e del Canal de Lachine. Ma fu a partire dalla seconda metà degli anni cinquanta fino alla metà degli anni ottanta che Montreal conobbe un vero e proprio mutamento sia urbanistico sia economico. Nel corso degli ultimi dieci anni, per quanto riguarda questo ultimo aspetto Montreal ha conosciuto una crescita ben superiore a quella di altre città canadesi diventando un centro economico di primaria importanza.

Dal punto di vista urbanistico la zona forse più suggestiva è la Vieux Montreal con le sue viuzze di ciottoli su cui si affacciano ristoranti e gallerie d'arte installate in vecchie case vittoriane. Le due piazze più belle di questo quartiere sono la Place Cartier e la Place d'Armes da cui si dipartono piccole e meravigliose stradine. Entrambe sono il fulcro della vita cittadina, in particolare nei mesi estivi, quando si animano di attività e ristoranti all'aperto. In questa parte di Montreal si trova quella che per molti è davvero la costruzione sibolo della città: la Basilique Notre Dame, famosa anche per ospitare la Gros Bourdon, per molti la campana più grande di tutto il Nord America. Le due torri di questa basilica dominano la bellissima e solenne Place d'Armes circondata da alcuni degli edifici più belli di tutta la città. Sulla Place Cartier si affacciano due splendidi edifici, l'Hotel de Ville, testimonianza architettonica della ricchezza che la città raggiunse nel XIX secolo; e lo Chateau Ramezay che oggi ospita un museo sulla storia del Quebec.

Una delle zone più suggestive e che più ha vissuto una interessante trasformazione è quella del Vieux Port, diventata un bellissimo parco in cui turisti e residenti possono trovare l'opportunità di dedicarsi ad ogni genere di attività ricreativa sulle sponde del fiume Saint Laurent oltre a potersi imbarcare sui numerosi battelli che da qui partono per escursione molto suggestive.

montreal di notte

Ed eccoci ora nella zona centrale di Montreal, quella più moderna, ricca di negozi, grattacieli, ristoranti e musei. Qui si ha davvero la sensazione di cosa sia una grande città del Nord America senza però perdere il fascino della storia. Tra i musei più belli e più ricchi qualitativamente il Musée des Beaux Arts e il Centre Canadien d'Architecture.

Ma tra le cose di cui gli abitanti di Montreal sono più orgogliosi c'è il Parc du Mont Royal enorme e bellissimo spazio verde progettato dallo stesso architetto a cui si deve la realizzazione di un altro capolavoro: Central Parc a New York. Vero e proprio bosco cittadino è anche ricco di punti panoramici di notevole bellezza. La zona invece più vivace della città è il Quartier Latin in cui, non solo il nome è ricco di suggestioni parigine. Questo quartiere ha conosciuto una vera e propria prosperità quando, alla fine degli anni sessanta, venne aperta qui la Université del Quebec. Oggi è il luogo in cui si concentrano le maggiori compagnie del settore dei media oltre ad essere viva praticamente 24 ore su 24. In questo quartiere si svolgono anche importanti eventi come il Festival International de Jazz.

montreal
Il quartiere più giovane e creativo è senza dubbio il Plateau Mont Royal. Nato inizialmente come quartiere operaio divenne poi, a partire dagli anni cinquanta, meta di scrittori e artisti di ogni tipo. Un'aria estremamente vivace che si respira ancora oggi e che fa di questo quartiere non solo un luogo alla moda ma anche quello in cui quasi tutti gli abitanti di Montreal vorrebbero vivere. Anche a Montreal non manca una vivace Little Italy in cui i colori, e soprattutto i sapori d'Italia si fanno sentire grazie alla presenza di numerosi e ottimi ristoranti. Vicino a qui uno dei quartieri più giovani e più straordinariamente multiculturali della città: il Mile End, bello come il Plateau, o quasi, ma decisamente più vivibile dal punto di vista dei prezzi.

Un altra zona interessante e che ha saputo beneficiare davvero dei Giochi Olimpici qui tenutisi nel 1976 è la zona del Parco Olimpico. Qui si trova uno stupefacente Giardino Botanico, terzo al mondo per grandezza dopo quelli di Londra e Berlino: più di 20000 specie di piante distribuite in trenta giardini e dieci serre. E sempre dedicato alla natura il suggestivo Blodome che, all'interno dell'ex velodromo olimpico, ricostruisce quattro diversi ecosistemi ognuno con la sua flora e la sua fauna. Ecco un'altra città canadese che non mancherà di sorprendere e incantare i visitatori.


Scrivici se hai domande o commenti sul Canada

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento